Decreto casa: che cos’è? Tutte le novità previste dal Dl approvato dalla Camera

   Il Decreto casa, che ha ottenuto ieri il via libera definitivo dell’Aula della Camera, è stato modificato solamente in prima lettura in Senato e contiene una serie di norme in materia di politiche abitative e di mercato delle costruzioni. Ecco una sintesi, divisa per aree di intervento, delle misure previste.

LOCAZIONI
Sono incrementati per 100 milioni di euro gli stanziamenti per il Fondo nazionale per il sostegno all’accesso delle abitazioni in affitto e di 225,92 milioni per il Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli. E’ prevista inoltre la riduzione dell’aliquota dal 15% al 10% per la cedolare secca relativa ai canoni concordati, che viene estesa anche alle abitazioni locate alle cooperative edilizie o a enti senza scopo di lucro, purché sublocate a studenti universitari e date a disposizione dei Comuni con rinuncia all’aggiornamento del canone di locazione o assegnazione. E’ prevista anche la detrazione Irpef per chi è in affitto a canone agevolato.

EDILIZIA PUBBLICA
Il Decreto punta ad accelerare il processo di definizione delle nuove regole di alienazione degli immobili di proprietà degli Iacp o degli enti, nonché degli immobili di proprietà dei Comuni o degli enti pubblici anche territoriali, concedendo anche contributi per l’acquisto di tali alloggi. Il recupero e la razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica viene finanziato nel limite di 500 milioni di euro. Si dispongono poi misure contro l’occupazione abusiva di immobili, per impedire che chiunque occupi abusivamente una casa possa chiedere la residenza e l’allacciamento ai pubblici servizi.
Viene inoltre previsto un programma straordinario di edilizia residenziale, per i dipendenti delle amministrazioni dello Stato impegnati nella lotta alla criminalità organizzata.

ALLOGGI SOCIALI
I redditi derivanti dalla locazione di alloggi sociali, di nuova costruzione o per i quali sono stati realizzati interventi di manutenzione straordinaria o di recupero, non concorrono alla formazione del reddito d’impresa ai fini delle imposte sui redditi, né alla formazione del valore della produzione netta ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive, nella misura del 40%. Sono inoltre previste agevolazioni fiscali per il triennio 2014-2016 in favore dei conduttori di alloggi sociali adibiti ad abitazione principale. Sarà anche possibile inserire nei contratti di affitto degli alloggi sociali la clausola di riscatto dell’unità immobiliare.

CASE DI PROPRIETA’
Lo sconto fiscale fino a 10mila euro sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici non sarà più legato alle spese di ristrutturazione edilizia dell’abitazione. Per gli immobili posseduti da cittadini italiani pensionati e residenti all’estero (con iscrizione all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero) non è applicata l’Imu.

 

Se volete visionare le proposte dell’Agenzia immobiliare SG visitate il sito web. 

Se volete un preventivo per amministrazione condominiale potete richiederlo compilando il form al LINK oppure con mail a info@agenziaimmobiliaresg.it

Pubblicato su Generici, Prezzi mercato immobiliare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: